Marketing

Core Web Vitals: cosa sono e perché ne sentirai ancora parlare

Ultimamente tutti coloro che si occupano di SEO hanno sentito parlare dei Core Web Vitals, un fattore che da maggio 2021 sarà utilizzato da Google per valutare il ranking dei siti web. Per questo in ForteChiaro abbiamo deciso di spiegarti di cosa si tratta e perché sentirai ancora parlare di Core Web Vitals nei prossimi mesi.

Core Web Vitals: il nuovo algoritmo che premia la User Experience

I Core Web Vitals sono tre parametri che premiano la UX ovvero la User Experience, un fattore da sempre fondamentale per Google per decidere il posizionamento di un sito nella SERP. Dagli USA il noto motore di ricerca ha confermato la nascita di un nuovo algoritmo, capace di analizzare e tenere in considerazione l’esperienza dell’utente per valutare la qualità di un sito e la sua posizione nella SERP.

Per permettere agli esperti SEO di lavorare all’ottimizzazione dei siti ed essere pronti ad affrontare il cambiamento, Google ha annunciato con largo anticipo il nuovo algoritmo di cui sentirai parlare anche nei prossimi mesi. Le tre metriche analizzeranno la stabilità del layout del sito, la velocità di caricamento come percepita dall’utente e la qualità di interazione del visitatore con il sito web. Nel complesso queste tre metriche valutano la UX rispetto alla pagina e influenzano il posizionamento del sito sulla SERP.

Quali sono i tre Core Web Vitals su cui lavorare

Nei prossimi mesi gli esperti SEO e anche gli specialisti di ForteChiaro dovranno lavorare su tre Core Web Vitals e in particolare:

  • LCP o Largest Contenful Poing: si tratta di un parametro che valuta la velocità di caricamento della pagina e somma il tempo necessario a far comparire sullo schermo l’elemento più consistente tra i diversi testi, immagini e video;
  • CLS o Comulative Layout Shift: questo fattore di ranking valuta la stabilità del sito nel corso del tempo. Se ci sono elementi grafici che si muovono o bug che disturbano la navigazione il sito viene penalizzato dal nuovo algoritmo Google, mentre una buona stabilità visiva migliora il posizionamento nella SERP;
  • FID o First Inpunt Delay: la metrica valuta quanto tempo è necessario all’utente per interagire con la pagina per mezzo di pulsanti e call to action. Il tempo ottimale per l’algoritmo Google si aggira sui 100 millesimi di secondo.

In conclusione, i nuovi Core Web Vitals privilegiano un sito web stabile, pulito e rapido e penalizzano siti ricchi di banner o con una User Experience non ottimale. Da sempre Google lavora per offrire all’utente la miglior risposta possibile sui motori di ricerca e anche il nuovo algoritmo basato sul Core Web Vitals e che caratterizza la SEO del 2021 va in questa direzione.

I nuovi fattori di ranking della Page Experience

Chi come ForteChiaro si occupa di SEO sa bene quali sono gli elementi che determinano l’esperienza dell’utente sulla pagina e quelli che l’algoritmo di Google valuterà ai fini del posizionamento da maggio 2021. Oltre ai Core Web Vitals preparare il sito al cambiamento significa lavorare anche su:

  • compatibilità con i dispositivi mobili: il sito deve essere mobile friendly e contenuti, link e altri elementi della pagina devono essere cliccabili anche sul piccolo schermo;
  • navigazione sicura: il sito non deve essere a rischio di malware, phising o contenere contenuti compromessi per garantire una navigazione sicura agli utenti;
  • HTTPS: il sito deve essere protetto con il protocollo HTTPS per garantire una connessione sicura;
  • Interstitial non intrusivi: i contenuti della pagina non devono essere difficili da fruire a causa di interstitial invadenti e che rendono difficile la navigazione.

L’obiettivo degli specialisti SEO è quello di creare un sito che non interrompe la navigazione degli utenti, si carica velocemente e garantisce la miglior User Experience possibile. Solo in questo modo si avrà la certezza di rispondere ai requisiti dell’algoritmo Google e di mantenere un buon posizionamento anche dopo questo importante aggiornamento dei fattori di ranking previsto per maggio 2021.