Marketing

Le 5 regole per un testo ottimizzato

La guida perfetta per un testo SEO Oriented ecco 5 regole per un testo ottimizzato.

Quante volte ti è capitato di volere testi migliori per i tuoi siti web? Hai mai scelto di affidarti a qualcuno?

Se una delle due risposte è affermativa o lo sono entrambe ti sarai imbattuto sicuramente in questo articolo alla ricerca di qualche miglioria da apportare ai tuoi testi che permetta di migliorare anche la tua presenza online.

Grazie ad un testo ottimizzato abbiamo la possibilità di scalare la SERP, raggiungere la vetta e aumentare il traffico al nostro sito. La conseguenza è un amplio pubblico e un bacino di possibili clienti da poter fidelizzare.

Se hai una tua attività non puoi e non devi sottovalutare la forza del web e soprattutto di un perfetto testo ottimizzato per i motori di ricerca.  I motori di ricerca, come Google, lavorano sulla base di numerosi algoritmi che individuano i testi e gli argomenti per loro non solo più interessanti ma anche maggiormente autorevoli. Per far sì che un nostro testo venga considerato abbiamo bisogno di applicare le regole SEO.

Che cos’è SEO?

SEO è un insieme di strategie che possiamo applicare anche alla scrittura di un testo per renderlo ottimizzato al fine di essere notato dal motore di ricerca e riuscire a brillare nelle SERP.

Ecco perché in questo articolo abbiamo deciso di svelarti 5 regole che devi assolutamente seguire se vuoi realizzare un testo ottimizzato per i tuoi siti web.

Cosa ci occorre per realizzare un testo ottimizzato?

Non ci servono moltissime cose per realizzare un testo ottimizzato, basta l’impegno e la conoscenza. Ricordati inoltre che qualsiasi testo ottimizzato non avrà alcun valore se il tuo sito non è considerato autorevole dai motori di ricerca, quindi prima di applicarti nella scrittura, ottimizza il tuo sito web e poi passa alla realizzazione di articoli SEO Oriented.

Partiamo perciò alla scoperta delle 5 regole per un testo scritto in ottica SEO e quindi un testo ottimizzato.

Regola 1: la keyword

Ogni testo che si rispetti gira intorno ad una keyword, in italiano parola chiave. La parola chiave ci aiuta a definire l’argomento trattato.

Il messaggio non arriva solamente ai nostri occhi ma anche ai motori di ricerca e poi agli utenti che ricercano un determinato argomento.

Ovviamente se il nostro sito web tratta di articoli per parrucchiera non avrà senso scegliere come parola chiave “calce struzzo”. La parola chiave deve perciò essere correlata all’argomento del nostro sito web, non essere mai stata utilizzata prima in un altro articolo e deve essere abbastanza utile per gli utenti.

Le keyword si dividono in diversi tipi:

  • Keyword secca e cioè una sola parola che identifica un determinato argomento che può essere anche di tendenza tra le ricerche sui motori di ricerca.
  • Informazionali long tail più parole che vanno a rispondere ad una domanda che può essere posta da un utente al motore di ricerca. Quindi nel caso dello shop di articoli da parrucchiera “come fare una tintura per capelli in casa”
  • Keyword navigazionali o anche dette brand, il tuo brand è famoso perciò un utente può utilizzare “shampoo nomedeltuosito”
  • Keywords commerciali o transazionali “acquistare shampoo per capelli colorati” ossia parole chiave che puntano alla vendita di un prodotto.

A seconda di quelle che vogliamo utilizzare possiamo eseguire delle apposite ricerche sfruttando delle apposite piattaforme online.

Regola 2: La struttura

Un testo ottimizzato per un motore di ricerca ha una struttura ben precisa che possiamo sfruttare a nostro vantaggio. Ogni testo deve seguire queste regole principali:

  • Avere un h1 ossia un titolo e al suo interno deve comparire la keyword;
  • Un h2 ossia un primo sottotitolo importante al suo interno deve comparire la parola chiave;
  • Avere h3 sottotitoli di minore importanza ma che servono a definire la struttura del testo e a facilitare la lettura all’utente;
  • Paragrafi non superiori alle 150 parole;
  • 1% massimo 2% di testo deve essere occupato dalla keyword che deve essere inserita in modo spontaneo e non ripetitivo;
  • La keyword deve apparire nel alt immagine;
  • Deve essere presente un link interno che rimandi ad un argomento correlato e un link esterno che rimandi ad un argomento correlato ma di un sito autorevole;
  • I testi non devono essere inferiori alle 500 parole.

Regola 3: I media

Ogni media che scegliamo di inserire all’interno del nostro articolo che sia un video o che sia una foto deve essere ottimizzata. Con questo intendiamo che non deve appesantire la pagina, deve essere di elevata qualità e deve contenere nel suo titolo la parola chiave.

Regola 4: ottimizzare la pagina per SEO

Altro grande passaggio è quello di ottimizzare la pagina all’interno del quale andremo ad ospitare il nostro testo. Quindi la pagina dovrà presentare un link contenente la keyword e inoltre la sua description dovrà essere entro i 160 caratteri e contenere anch’essa la keyword in modo naturale.

Regola 5: Piccole regole utili per il testo

Il testo non deve contenere troppe frasi passive. Almeno il 30% delle frasi di un testo devono essere di transizione o contenere parole di transizione. L’argomento deve essere interessante per l’utente e trattato nel migliore dei modi.

Se seguirai tutte queste regole sarai in grado di scrivere un testo ottimizzato SEO oriented e questo inciderà sulle tue visite giornaliere in modo esponenziale.